Mi dava le spalle, come sempre, come tutte le notti…

Il suo corpo era un gioco di luci, che tra chiaroscuri, rifletteva la candida pelle, che pareva appartenere ad un bambino appena nato. Così come le sue labbra, mai screpolate dal freddo, così sottili, ma al contempo piene, di quei respiri pesanti che le abbracciavano. Il suo torace si innalzava e poi si abbassava con un ritmo scostante, come quello che accompagnava la sua vita. Tra i tormenti di alcuni giorni, che macchiavano anche il sonno di alcune notti.
Continua a leggere “Mi dava le spalle, come sempre, come tutte le notti…”